Come funziona l’impianto fotovoltaico con accumulo In poche parole, un tipico impianto fotovoltaico produce energia elettrica che non viene usata interamente per l’abitazione, poiché quella che non viene utilizzata durante l’arco della giornata viene successivamente mandata alle rete elettrica durante le ore di irraggiamento; questo processo si chiama più correttamente “scambio sul posto“. Ciò che spesso succede però è che i maggiori consumi di energia elettrica si hanno durante la notte, proprio quando non c’è irraggiamento solare. Per questa ragione sono nati gli impianti fotovoltaici con batteria per l’accumulo dell’energia elettrica: quest’ultimi riescono a sfruttare in pieno la corrente prodotta durante le ore di irraggiamento solare; il tutto collegando l’impianto fotovoltaico ad una batteria che è capace di accumulare la corrente da utilizzare durante le ore notturne. Con l”installazione di un impianto fotovoltaico con accumulo, si riesce a coprire addirittura l’80% del fabbisogno energetico giornaliero. Quindi, fino a qualche anno fa l’unica opzione che si poteva scegliere era quella di installare un impianto fotovoltaico caratterizzato dallo scambio sul posto, mentre adesso, per merito soprattutto del progresso tecnologico nel campo delle batterie per l’accumulo d’energia, che sono sempre più efficienti ed economiche, si può decidere quest’ultima opzione, che conviene anche dal punto di vista dei costi. Quanto si risparmia con l’impianto fotovoltaico con accumulo? Avendo analizzato quanto impattano i costi d’installazione di un impianto fotovoltaico ad accumulo, la considerazione finale è, sicuramente, che con questo tipo d’impianto il risparmio è considerevole. Visto che i costi dell’impianto sono ancora maggiori rispetto ad uno standard, il risparmio si ha successivamente, poiché il costo dell’energia elettrica è approssimativamente 0,25 Euro al kW all’acquisto, mentre quando viene venduta la sua media si aggira attorno ai 0,14 Euro al kW; ne consegue ovviamente che venderla è uno spreco inutile se possiamo utilizzarla, e ciò comporta un risparmio di almeno il 40% sull’energia elettrica. Infatti, ipotizzando un investimento ventennale, per un impianto fotovoltaico da 4kWp con batteria da 14 kWh, si spendono circa 13mila euro, aggiungendo le spese di manutenzione e prevedendo di dover sostituire nel corso di questi vent’anni almeno 2 volte le batterie e l’inverter. Come detto, ipotizzando questo tipo di investimento, anche se i costi delle batterie sono decisamente alti (ma diminuiranno sempre più nel corso degli anni), il bilancio finale è ottimale, poiché quest’impianto fotovoltaico analizzato riesce a ripagarsi in 8/10 anni (dipende se si è a sud/centro/nord Italia, e da altri fattori), e nell’arco del ventennio totale si risparmiano circa 30 mila euro sull’elettricità. PREVENTIVO FOTOVOLTAICO Chiedi un preventivo per il tuo fotovoltaico con accumulo e ricevi un’offerta personalizzata. Senza impegno.